«Lo educò, ne ebbe cura»

Carissime famiglie,

lo scorso mese di giugno con il Consiglio Pastorale si è pensato di "metterci in ascolto" nell'anno pastorale 2014-2015 di una frase del libro del Deuteronomio che ci aveva colpito: «Lo educò, ne ebbe cura» (Dt 32,10). Viviamo in un tempo dove per tanti motivi facciamo fatica a darci quel tempo necessario per prenderci cura di noi stessi così come delle relazioni da cui è costellata la nostra vita, soprattutto se esse non appartengono direttamente al nostro vissuto personale e familiare. Per questo motivo abbiamo pensato di cogliere l'occasione di alcuni incontri per riappropriarci di quanto ci dovrebbe caratterizzare come cristiani e che appartienre alla cultura di quell'accoglienza che in famiglia sorge spontaneo vivere, quando ci prendiamo cura di chi è più fragile e debole, sia esso neonato, ragazzo, giovane, adulto o anziano.

Ci siamo così impegnati a prenderci cura di voi, allestendo questo percorso, che spero vi giunga gradito e che vedrà la presenza di persone di primo piano, qualcuna anche da fuori città, tutte testimoni nel campo de loro intervenire: così ci prenderemo cura della missione, del nostro futuro, dei piccoli della storia, dello straniero, del creato...

A questi incontri si aggiungeranno in Avvento (venerdì 19 dicembre 2014) e in Quaresima (venerdì 13 marzo 2015) le celebrazioni penitenziali nel corso delle quali, con la presenza di altri sacerdoti oltre a noi della parrocchia, potremo accostarci al sacramento della riconciliazione per ricevere in dono la misericordia di Dio.

Conterei sulla vostra presenza, perché è bello che anche i genitori dei nostri ragazzi si prendano cura del loro spirito e insieme facciano un pezzo di strada. E' bello che testimoniate con la vostra presenza che per voi la formazione cristiana non si ferma ai 15 anni, ma è un cammino permanente, dove sempre abbiamo il bisogno di approfondire la Parola di Dio e quanto da essa scaturisce.

Vi chiedo pertanto di vedere questi incontri non come un impegno in più, ma come occasioni preziose, momenti di grazia, opportunità da cogliere. Io mi metto anche quest'anno al vostro fianco, chiedendovi la disponibilità a regalarvi - per quanto possibile - queste serate, alle quali potrete portare anche i vostri figli, dal momento che saranno disponibili alcuni educatori per farli giocare.

Vi ricordo che, ad eccezione della serata con don Luigi Verdi, tutti gli altri incontri inizieranno alle ore 19.30 con la condivisione di quanto ognuno avrà voluto portare. Ceneremo così insieme in un clima fraterno, molto gradito da parte di chi vi ha finora partecipato. Seguirà l'incontro e il libero dibattito con l'ospite, che terminerà in orari umani: alle 22.00.

Mentre vi attendo già al primo incontro di venerdì 7 novembre, vi abbraccio con affetto fraterno e vi benedico di tutto cuore.

Vostro,
don Paolo

Trieste, 31 ottobre 2014

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information